E’ possibile firmare sulla piattaforma Change.org. "Ogni fine settimana si ripropone lo stesso problema per gli aniamali"
Foggia, una petizione per chiedere il servizio di Guardia Medica Veterinaria

“Ogni fine settimana si ripropone sempre lo stesso problema: MANCANZA DI GUARDIA MEDICA VETERINARIA A FOGGIA. Molti proprietari di animali ci contattano per avere il numero telefonico di un veterinario su Foggia che possa dare assistenza ai propri animali, oppure nell'emergenza ci chiedono cosa poter fare nel momento del bisogno ai propri amici a quattro zampe. Naturalmente come si trovano spiazzati loro ci troviamo anche noi nella stessa situazione, perché tengo a precisare che noi non siamo veterinari e quindi mai ci sogneremmo di consigliare farmaci e terapie. Dal 1° giugno a Foggia non esiste più questo servizio che offriva il Comune di Foggia, (premetto che il servizio non era gratuito, ma chi usufruiva di questo servizio doveva pagare € 50.00 e le varie terapie. Ma non è questo, perché i proprietari che amano i propri animali le metterebbero anche fuori per la vita dell'animale) non è ancora chiaro il perché questa guardia medica veterinaria non esiste più in una città come Foggia, che decanta tanto l'amore verso gli animali”.

 

Inizia così la petizione lanciata sulla piattaforma Change.org con cui un gruppo di cittadini del capoluogo Dauno chiedono il ripristino del servizio di Guardia Medica Veterinaria anche nel fine settimana. La petizione, una volta raggiunte le mille forme, sarà consegnata direttamente al Comune di Foggia con l’obiettivo di spingerlo alla riattivazione di questo importante servizio di assistenza sanitaria nei confronti degli animali. “Vi sembra giusto far morire un cane o un gatto di famiglia perché non si trova un veterinario manco a pagarlo a peso d'oro? Sono davvero mortificata e avvilita – è scritto nella petizione - . Rivogliamo la Guardia Medica a Foggia! Noi proprietari di animali non dobbiamo cadere nel panico il fine settimana e nemmeno dobbiamo veder morire avanti agli occhi i nostri piccoli amici pelosi”.

Clicca qui per firmare la petizione