Foggia, Marasco e Landella ‘Trasparenza a costo zero’ contro la corruzione
I due candidati sindaci hanno aderito alla campagna di Libera ’Riparte il futuro’
Foggia, Marasco e Landella ‘Trasparenza a costo zero’ contro la corruzione

Comunque vada a finire, il prossimo sindaco di Foggia sarà subito chiamato ad adottare, come primo atto di giunta e nei primi 100 giorni di governo cittadino, la delibera ‘Trasparenza a costo zero', impegnandosi ad attuare le prescrizioni della delibera entro 200 giorni. Perché dopo il voto del 25 maggio, sulla piattaforma di ‘Riparte il futuro', la campagna promossa da Libera, e Gruppo Abele in collaborazione con Avviso Pubblico, Mafia Nein Danke, Libera France e Anticor che chiede ai candidati sindaci azioni concrete contro la corruzione, sono rimasti solo due nomi. Due candidati sindaci. E dopo Augusto Marasco (centrosinistra) anche Franco Landella (centrodestra) ha aderito alla campagna.

 

Fino al ballottaggio dell'8 giugno, dunque, è possibile consultare sul sito di ‘Riparte il Futuro' i dati che raccontano la storia personale dei due aspiranti primi cittadini: reddito, situazione patrimoniale e giudiziaria, eventuali conflitti di interesse personali o di congiunti, curriculum vitae. Sposando a pieno i punti della campagna di ‘Riparte il futuro”, Libera Foggia chiede al prossimo sindaco di “adottare, come primo atto di giunta e nei primi 100 giorni di governo cittadino, la delibera ‘Trasparenza a costo zero', impegnandosi ad attuare le prescrizioni della delibera entro 200 giorni”. Ai candidati sindaci che aderiscono alla campagna sarà consegnato anche il ‘braccialetto bianco', simbolo dell'iniziativa e che potrà essere sfoggiato con orgoglio nei momenti istituzionali e pubblici a testimonianza della lotta contro illegalità, corruzione, mafia.

e.m.