Avvocati di Strada: “In tre anni raddoppiati gli italiani finiti in strada”
L’intervento di Antonio Mumolo, presidente dell’associazione che offre consulenza legale gratuita
Avvocati di Strada: “In tre anni raddoppiati gli italiani finiti in strada”

Spazio Sociale ha incontrato Antonio Mumolo, il fondatore e presidente dell'associazione nazionale Avvocati di Strada, lo studio legale più grande d'Italia ma che fattura di meno. Oltre 700 volontari sparsi nel Belpaese per offrire tutela legale gratuita alle persone più povere, a quanti non possono beneficiare del gratuito patrocinio a spese dello Stato in quanto privi del requisito della residenza anagrafica. In Capitanata gli Avvocati di Strada sono presenti a Foggia e Cerignola. Diritto alla residenza e al lavoro, sanzioni ‘contro la povertà', fogli di via, padri separati che finiscono in strada, decreti di espulsione, permessi di soggiorno, richieste di asilo politico, sfratti, aggressioni subite.

 

Questi alcuni dei principali casi seguiti dai legali volontari dell'associazione. Ma cosa può fare la politica per migliorare i servizi e l'assistenza di quanto, per i motivi più diversi, italiani e migranti, sono costretti all'emarginazione e all'indigenza? L'avvocato Mumolo spiega quali interventi andrebbero attuati e l'attuale situazione italiana.