Settori

Questi sono i settori di intervento della Cooperativa Sociale Iris

La tratta di esseri umani è un crimine che si fonda sulla compravendita e lo sfruttamento di esseri umani sottratti con violenza o inganno dai luoghi di origine, portati nei paesi occidentali e venduti come schiavi.
Molte delle vittime della tratta sono state rapite da bande internazionali, altre sono state vendute dalle proprie famiglie o adescate con false promesse di lavoro.
La tratta è un fenomeno criminale legato alla malavita organizzata, con reti particolarmente estese, che ricava enormi profitti dallo sfruttamento di esseri umani ed è spesso coinvolta in altre attività criminali, quali traffico di droga e di armi.
Secondo le stime dell’ONU e dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, 500.000 vittime di tratta entrano ogni anno nel territorio dell’Europa occidentale.
Le donne e i bambini sono i soggetti più esposti a questa forma contemporanea di schiavitù, basata sullo sfruttamento sessuale.
La conseguenza è che le vittime sono private di ogni diritto fondamentale, non dispongono di uno status giuridico e sono ridotte, attraverso minacce e maltrattamenti, ad uno stato di estrema dipendenza dai loro aguzzini.

Ulteriori infornazioni suno orpportunamente dettagliate su sito www.progettoroxana.it

In base al mandato assegnatogli dalle Nazioni Unite, l'UNHCR ha il compito di fornire e coordinare la protezione internazionale e l'assistenza materiale ai rifugiati ed alle altre categorie di persone di propria competenza, impegnandosi nel ricercare soluzioni durevoli alla loro drammatica condizione. Per fornire protezione ed assistenza l'UNHCR è impegnato in tutto il mondo, direttamente o attraverso agenzie partner governative o non governative, in programmi che coprono entrambi i settori di attività.

Protezione

La protezione internazionale dei rifugiati costituisce il nucleo principale del mandato dell'UNHCR e comprende, tra l’altro, attività quali la registrazione dei rifugiati, la consulenza per la documentazione, la raccolta dati anagrafici e biografici dei richiedenti asilo, la localizzazione sul territorio per la fornitura di protezione e di altre soluzioni durevoli alle esigenze derivanti dalla loro condizione di rifugiati. L’UNHCR è inoltre impegnato nella formazione per tutti gli operatori del settore, governativi e non, al fine di garantire al meglio il rispetto, l’applicazione e la promozione dei diritti dei rifugiati.

Assistenza

L’UNHCR, in base al proprio mandato, è incaricato di fornire assistenza nelle crisi umanitarie ai rifugiati in fuga da situazioni di crisi determinate da eventi politici e non naturali.

Tale assistenza generalmente consiste nel garantire i beni di prima necessità come acqua, cibo, assistenza sanitaria, alloggi temporanei e non (tende, infrastrutture prefabbricate e l’allestimento di veri e propri campi dotati delle basilari infrastrutture). L’assistenza comprende inoltre la fornitura di trasporti per le persone e le cose (coperte, indumenti, medicinali, infrastrutture, utensili vari) e interventi di carattere sociale (assistenza psicologica, sociale, istruzione, formazione professionale).

A seguito del disastroso maremoto del 26 dicembre 2004, su richiesta del Segretario Generale delle Nazioni Unite, per la prima volta nella sua storia l’UNHCR è intervenuto in favore delle vittime di una calamità naturale, mettendo a disposizione tutti i propri operatori, mezzi e proprie risorse presenti nei paesi della regione colpita dallo tsunami.

Monitoraggio, ricerca, rete, formazione con e per Enti locali, Terzo Settore, Aziende. Progettazione, organizzazione, docenze, pubblicizzazione, facilitazione.

assistenza a favore di soggetti svantaggiati come disabili, anziani, minori.
Informazione, accompagnamento, disbrigo pratiche, servizi del quotidiano

La Coop. IRIS negli anni 2005-2007 ha gestito e realizzato due progetti del Servizio Civile Nazionale:

  • Progetto “Vita in…Forma”, realizzato nel Comune di Castelluccio Valmaggiore (FG) nel settore educazione e promozione culturale: è stato attivato un centro informativo (Informagiovani), area dell'informazione, dell'animazione territoriale, della mobilità internazionale e della creatività utilizzando come risorsa i potenziali fruitori dei servizi stessi, per favorire la nascita di un ‘sistema’ sinergico tra istituzioni, organizzazioni del Terzo Settore e soggetti volontari, adeguato a ridurre i disagi legati al fenomeno dei micro comuni che progressivamente si spopolano, per la nascita di una cultura locale che metta le origini ed il territorio al primo posto, per favorire l’approccio con il ‘vicino’ scardinando qualunque campanilismo accrescendo il senso di appartenenza alla comunità locale dei Monti Dauni.
  • Progetto “Io mi aiuto”, realizzato nel Comune di Lucera (FG) nel settore educazione e promozione culturale: per la realizzazione di sportelli informativi. Il progetto si proponeva di organizzare servizi di informazione per persone disabili: le disposizioni in materia di handicap e disabilità sono complesse ed articolate, spesso il cittadino e gli operatori non sono tempestivamente informati sulle normative di settore e/o delle procedure da attivare per ottenere un servizio o un beneficio.

Tra il 2004 e il 2007 un gruppo di esperti del settore ha collaborato con enti sindacali ed associazioni per facilitare immigrati e datori di lavoro nella compilazione delle richieste di regolarizzazione, contribuendo alla compilazione di oltre 100 pratiche per i decreti di ingresso.     
Oltre alla compilazione materiale delle richieste di regolarizzazione, sono pervenute molte richieste telefoniche e via e-mail, da tutto il territorio italiano e in alcuni casi anche da Paesi esteri, di chiarimento sulle nuove leggi in vigore in materia di immigrazione.
Gli obiettivi raggiunti in questi anni sono:

  1. raccolta, catalogazione e messa a disposizione di informazioni per gli stranieri nel più ampio contesto regionale, nazionale ed internazionale;
  2. assistenza e patrocinio agli stranieri nell’ottenimento dei diritti e nel rispetto degli obblighi con riferimento al rilascio / rinnovo del permesso di soggiorno e della carta di soggiorno, al ricongiungimento familiare, ai contratti di soggiorno per motivi di lavoro (diritti di permanenza), all’accesso alle prestazioni sanitarie ed alle altre prestazioni del welfare italiano e con i loro meccanismi di accesso – ISEE - (diritti d’integrazione);
  3. assistenza e patrocinio agli stranieri nell’ottenimento dei diritti e nel rispetto degli obblighi con riferimento ai rapporti di lavoro, ai rapporti con gli enti previdenziali ed assistenziali (INPS, INAIL, Altri Enti, Regioni e Comuni) e con l’Amministrazione finanziaria dello Stato (730, Unico);
  4. seminari, mostre, corsi di aggiornamento;
  5. attività di consulenza ed assistenza agli enti che hanno organizzato manifestazioni culturali, di approfondimento e di divulgazione legate alle problematiche di cui istituzionalmente si occupa;
  6. collaborazione con il sistema scolastico e formativo e le singole scuole a definire nell’ambito della loro riconosciuta autonomia, programmi e percorsi didattici per stranieri e, anche attraverso la promozione o la partecipazione ad iniziative di formazione ed aggiornamento degli insegnanti;
  7. monitoraggio sull’impatto reale della legislazione e dei provvedimenti amministrativi in materia di immigrazione, favorendo le integrazioni e modificazioni del caso.

La Cooperativa IRIS da dicembre 2006 ad oggi, è partner del progetto “Stornara Solidale”, promosso dal Comune di Stornara (FG), gestito dall’Associazione di Promozione Sociale “Mondo Nuovo” di Lucera (FG), per l’accoglienza di n. 15 ospiti nell’ambito dello S.P.R.AR. (Sistema Centrale di Protezione dei Richiedenti Asilo e Rifugiati), finanziato dal Ministero dell’Interno.
Da gennaio 2009 la Coop. IRIS ha cambiato la sua sede sociale, trasferendola da Lucera (FG) a Manfredonia (FG) ed ha cominciato ad effettuare nuove attività nel campo dell’immigrazione, come ente gestore e partner di progetti di notevole rilevanza.