ì
Si parte il 20 luglio con il primo gruppo. L’iniziativa di Libera ed altre realtà sociali
Cerignola, tornano i campi di lavoro sui beni confiscati alla mafia

Puntuali come l'estate tornano i campi di volontariato di ‘E!State Liberi!'. Organizzati da Arci, CGIL, Spi Cgil, Flai Cgil, Presidio Libera Cerignola in collaborazione con ‘Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie', i campi vedranno ragazzi provenienti da tutta Italia scendere nel Tavoliere per lavorare sui terreni confiscati alla criminalità organizzata, quello di contrada Toro gestito dalla cooperativa ‘Pietra di scarto' e quello di contrada Scarafone gestito dalla cooperativa ‘Altereco'. Saranno due le ‘spedizioni di volontariato' che invaderanno, con il loro carico di positività, la città di Cerignola: il primo gruppo, composto da 14 ragazzi, sarà impegnato dal 20 al 27 luglio, mentre il secondo, formato da 21 componenti, sarà a Cerignola dall'1 al 10 agosto.

 

Supportati dai volontari dello Spi Cgil di Ravenna (per il primo campo) e di Ferrara (per il secondo) i ragazzi saranno ospitati presso la struttura ex Gil di via Napoli, mentre per i pasti ci si avvarrà dell'ospitalità del centro sociale don Antonio Palladino. ‘E!state Liberi', dunque, è “la rappresentazione più efficace della memoria che diventa impegno, è il segno tangibile del cambiamento necessario che si deve contrapporre alla ‘mafiosità materiale e culturale' dilagante nei nostri territori. Ed anche a Cerignola – scrivono gli organizzatori - le giornate di ‘E!state Liberi' seguiranno tre momenti di attività diversificate: il lavoro agricolo o attività di risistemazione del bene, la formazione e l'incontro con il territorio per uno scambio interculturale. Nello specifico, saranno diversi i momenti formativi e d'incontro, organizzati dal locale presidio”.

 

I volontari arrivati da tutta Italia, infatti, spazieranno dalla conoscenza della città e dei suoi personaggi illustri, grazie alle guide di OltreBabele, all'incontro con le realtà impegnate sul fronte dell'immigrazione e dell'integrazione sociale (Avvocato di strada, Flai, Ghetto Out Nelson Mandela), passando per alcuni momenti di autentico svago come la partecipazione del presidio alla Festambiente di Monte Sant'Angelo. Sarà possibile essere aggiornati sui singoli momenti formativi attraverso la pagina facebook del presidio, mentre la presentazione alla città dell'intera iniziativa avverrà lunedì 21 luglio presso la sala conferenze del Comune, alle ore 18.30.